Ogni Comune italiano è tenuto a redigere un Piano Comunale di Protezione Civile. Alcune informazioni in esso contenute interessano direttamente tutti i cittadini:

- le indicazioni relative alle zone a rischio del territorio comunale;

- le indicazioni relative alle zone sicure del territorio comunale da raggiungere in caso di emergenza;

- le procedure previste per l'eventuale evacuazione;

- i percorsi da seguire per mettersi in situazione di sicurezza.

 

PIANO GENERALE DI PROTEZIONE CIVILE

Il Comune di Maiolati Spontini si è dotato di un Piano Comune di Protezione Civile nel 1992, che è stato aggiornato nel 1995 e nel 2004.

Nel 2002 è stato predisposto ed approvato un Piano per l’Emergenza Idrogeologica.

Su incarico dell'Amministrazione Comunale di Maiolati Spontini è stato aggiornato e completato il Piano di Protezione Civile (da ora denominato PPC) per il suo territorio.

Si è cercato di redigere un piano non teorico, finalizzato a fronteggiare concretamente i rischi reali cui la comunità ed il territorio sono soggetti e che non mostrasse limiti al momento della sua applicazione pratica in caso di calamità naturali o di emergenze.

Tale idea di Piano presuppone che siano chiari alcuni punti fermi, tra i quali:

a.     disporre di una precisa valutazione dei rischi naturali cui il territorio è soggetto per poter sviluppare gli strumenti più idonei ed efficaci a fronteggiarli quando si presentasse il pericolo reale;

b.    disporre di un preciso ed aggiornato elenco delle strutture, pubbliche e private, che all'occasione siano in grado di prestare la loro opera in poco tempo e con la necessaria efficienza;

c.     predisporre l'organigramma delle risorse tecnologiche ed umane che dovranno essere impegnate nell'emergenza e le rispettive competenze. Così come stabilito dalla legge istitutiva del Servizio Nazionale della Protezione Civile, L. 225/92, dal Regolamento di attuazione dell'art.18 della legge stessa e dalle successive circolari.

In mancanza di chiarezza sui sopra ricordati elementi diventa difficile elaborare un PPC aderente alle reali problematiche del territorio.

 

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER IL RISCHIO INCENDI BOSCHIVI

La Legge n° 225/1992 relativa alla istituzione del Servizio Nazionale della Protezione Civile e la successiva normativa nazionale e regionale in materia prevedono che ogni Comune si doti del Piano Comunale di Protezione Civile.

In ottemperanza a quanto disposto dalla legge 365/2000 (Legge di conversione del DL. 279/2000) al fine di provvedere alla tutela della pubblica e privata incolumità sono, con il presente Piano, individuate le procedure di intervento da attuarsi in caso di emergenza ed in particolare  per il rischi incendi di bosco e di interfaccia all’Ordinanza 3624/2007.

In particolare, la natura imprevedibile dell’evento impone, mediante l'azione di monitoraggio e  delle previsioni meteoclimatiche, di dedicare la massima attenzione alla gestione delle fasi che precedono l'evento.

È necessario pertanto, sulla base dello scenario individuato, predisporre un sistema articolato di attivazione di uomini e mezzi, organizzati secondo un quadro logico e temporalmente coordinato che costituisce il modello di intervento, il quale prevede l'attivazione della risposta di protezione civile per ogni livello di allerta.

 

PIANO DI EMERGENZA IDROGEOLOGICA

A seguito delle perimetrazioni richieste alle Autorità di Bacino Nazionale, Interregionali ed alle Regioni, dal decreto-legge 180/98 (legge di conversione n° 267/98), relative alle aree ad elevato e molto elevato rischio idrogeologico (R3 ed R4; L. 267/98, D.P.C.M. 29/09/98) che interessano diverse zone del territorio del Comune di MAIOLATI SPONTINI e in ottemperanza a quanto disposto dalla legge 365/2000 (Legge di conversione del DL. 279/2000) al fine di provvedere alla tutela della pubblica e privata incolumità sono, con il presente Piano, individuate le procedure di intervento da attuarsi in caso di emergenza.

In particolare, la natura prevedibile dell’evento impone, mediante l'azione di monitoraggio meteorologico ed idropluviometrico, di dedicare la massima attenzione alla gestione delle fasi che precedono l'evento.

È necessario pertanto, sulla base dello scenario individuato, predisporre un sistema articolato di attivazione di uomini e mezzi, organizzati secondo un quadro logico e temporalmente coordinato che costituisce il modello di intervento, il quale prevede l'attivazione della risposta di protezione civile per ogni livello di allerta.

 

PIANO NEVE 2014/2015
Come ogni anno l’Ufficio Tecnico Comunale ha predisposto il Piano Neve, in cui vengono pianificate tutte le operazioni da fare in caso di nevicata nel territorio di Maiolati Spontini.

 

DOCUMENTAZIONE DA SCARICARE:

 

Planimetria aree di attesa            Consigli utili in caso di           Piano neve 2015/16  

 

RISCHIO SISMICO : COSA FARE

Il territorio italiano è esposto al rischio sismico, quindi prepararsi ad affrontare il terremoto è fondamentale.

La sicurezza dipende soprattutto dalla casa in cui abitate. Se è costruita in modo da resistere al terremoto, non subirà gravi danni e vi proteggerà. Ovunque siate in quel momento, è molto importante mantenere la calma e seguire alcune semplici norme di comportamento.
In caso di terremoto Il ruolo del cittadino:
regole di comportamento

 

 

PIANO GENERALE DI PROTEZIONE CIVILE - Anno 2004
(cliccare sulla tavola per scaricare il file PDF)

00_Elenco elaborati; Tav 03 Tav 08b Tav 10e
01_Relaz Generale Tav 04a Tav 08c Tav 10 legenda
02_A0_Dati generali; Tav 04b Tav 08d Tav 11_a1
02_A1_Aree di attesa; Tav 05 Tav 08e Tav 11_a2
02_A2_Aree di ricovero; Tav 06a Tav 08 legenda Tav 11_b1
02_A3_Aree di ammassamento; Tav 06b Tav 09 Tav 11_b2
03_Piano di emergenza Tav 06c Tav 10a Tav 12_a1
04_Pianificazione Emergenza Tav 06d Tav 10b Tav 12_a2
Tav 01 Tav 06e Tav 10c Tav 12_b1
Tav 02 Tav 08a Tav 10d Tav 12_b2
  Tav 12_b3

 

PIANO DI EMERGENZA IDROGEOLOGICA - Anno 2005
(cliccare sulla tavola per scaricare il file PDF)
Relazione 01 Tav 05
Relazione 02 Tav 06
Tav 01 Tav 07
Tav 02 Tav 08
Tav 03 Tav 09
Tav 04  

 

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER IL RISCHIO INCENDI BOSCHIVI E DI INTERFACCIA - Anno 2008
(cliccare sulla tavola per scaricare il file PDF)
Tav. 01 Tav. 04
Tav. 02 Tav. 05
Tav. 03